Opinioni comuni-streaming

Published on luglio 2nd, 2015 | by Giovanni Piras

0

I Comuni possono attivare il live streaming a costo zero

Consiglio Comunale in Streaming

Ecco qualche idea per gli amministratori comunali che ci seguono su sardinianews.it per quanto riguarda il Live Streaming in aula consiliare, la trasmissione audio e video in diretta delle sedute del Consiglio comunale.

Abbiamo fatto dei test e delle ricerche per valutare cosa serve per attivarlo. Le  piattaforme tecnologiche disponibili sono a costo zero o quasi.

Hanno attirato la nostra attenzione STREAMERA (Tiscali) e YOUTUBE LIVE (Google).

Premesso che entrambe le piattaforme permettono di trasmettere in live streaming da molteplici dispositivi di acquisizione, dalle webcam più economiche alle più sofisticate Videocamere HD. E che quindi chiunque voglia trasmettere un evento live (una seduta di Consiglio Comunale) deve dotarsi almeno di una Telecamera o webcam, di un Personal Computer (anzi consigliamo un Notebook, più facile da spostare se non lo si vuole lasciare sempre nell’aula consiliare) e di una connessione internet preferibilmente ADSL (lasciamo perdere le connessioni 3g o 4g che potrebbero darci qualche problema di stabilità). Va bene  anche una Wi.Fi connessa a una Adsl.

Fin qua, esclusi i costi di connessione, sono sufficienti 400/500 euro.

Ed è anche tutto, perche YOUTUBE è completamente gratuito ed utilizzarlo è quasi un gioco da ragazzi: l’abbiamo provato, ci vuole solo qualche minuto per attivarsi e poi potete caricare tutti gli eventi live fino a 8 ore consecutive per ogni singolo evento/video. Un lasso di tempo molto più che sufficiente per un consiglio comunale. Sono tantissimi i Comuni che per la diretta delle sedute di Consiglio già utilizzano il sistema youtube (AsseminiBergamoAlbinoMolfetta per esempio)

STREAMERA invece costa 69,00 euro al mese (iva esclusa), e il sistema è lo stesso che verrà utilizzato dal Progetto Comunas. Non sappiamo quali siano i vantaggi per un Comune che aderisce al progetto Comunas rispetto all’attivazione autonoma del servizio, possiamo immaginare e sperare si tratti di un abbattimento dei costi. STREAMERA offre la possibilità di una regia multicamera, sicuramente utile per altri eventi, ma per una seduta di consiglio è sufficiente una camera con grandangolo e soprattutto un buon audio. Anche questo sistema è già utilizzato da diversi comuni (TerniSenorbiCarloforte per esempio)

Entrambi ci son sembrati facili e veloci da attivare. La qualità Audio video è accettabile, con il nostro hardware (webcam Trust USB HD 130° Wide Angle e Notebook i5 Toshiba connessione alice flat) abbiamo riscontrato su Youtube una qualità video inferiore rispetto a Streamera che però a sua volta presentava dei rallentamenti (probabilmente avremmo dovuto settare meglio qualche cosa o scegliere hardware diverso).

Infatti se andiamo a vedere le sedute già registrate (non quelle in diretta) dei comuni elencati possiamo notare che i sistemi tutto sommato si equivalgono. Mentre in diretta Streaming (in tempo reale) spesso detta legge la velocità della connessione internet.

E comunque indispensabile che il comune adotti un regolamento e di questi in rete se ne trovano tanti a cui ispirarsi, da quello proposto da Comunas ad altri. Basta fare una semplice ricerca sul web.

scritto da Giovanni Piras Sysnet Consult

comuni-streaming

Commenti

Commenti


About the Author



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Ricevi subito i tuoi SARDinia COIN

    SARDINIA COIN Ricevili Gratis - Airdrop
  • Scopri le meraviglie della Sardegna

  • Categorie

  • Articoli Recenti

  • Fans

  • In evidenza