Amministrazione comunale e Sfida di alta cucina a Urzulei. Alla corte del Caglio di capretto - SARDEGNA

Sfida di alta cucina a Urzulei. Alla corte del Caglio di capretto

Amministrazione comunale e Pro Loco di Urzulei hanno lanciato una sfida che ha  tutto il sapore del rodeo: armonizzare il gusto del caglio di capretto, ”solista” per vocazione”, con i componenti più tipici della cucina sarda.
Il tutto benedetto da un vino adeguato alla eccezionalità dell’evento.

Occasione della sfida gastronomica è stata la manifestazione Crobes e Palines che il 15 e 16 giugno ha animato il paese dell’ Ogliastra ai confini del Supramonte.

Il momento culturale per la valorizzazione del Caglio di capretto è stato voluto con forza dal sindaco Giampaola Murru e da Giuseppe Mesina consigliere provinciale e presidente dell’associazione culturale ”La Montagna” con la collaborazione fattiva dei volontari della Pro Loco.

L’orchestra gastronomica era diretta da due grandi della Cucina ogliastrina: Ercole Monni docente dell’Istituto Alberghiero di Tortolì, accompagnato  da tre allievi,  e Salvatore Delogu, presidente dell’associazione Chef d’Ogliastra.

Il risultato è stato la produzione di cinque piatti di assoluta originalità e alta qualità, composti a base di caglio di capretto. Cosa che ha impegnato non poco i cinque componenti della giuria di degustazione: Gigi Carreras, Silvano Melis, il sottoscritto, Piero Murru e Tonio Angius.

Antipasto: cilindro di zucchina e cannolo guttiau, con cuore di caglio caprino e zafferano, striatura di miele di corbezzolo e germoglio di timo selvatico.

Primo piatto : raviolo con sfoglia di ghiande, interno di caglio e salmone, corredato da una crema di favette.

Primo piatto: ”maccarrones de ungra ” su coupella di carasau integrale con vellutata di caglio ed erbette spontanee, spolverata con bottarga di muggine

Primo piatto: raviolo di caglio caprino e cicorietta selvatica con farina di castagne al profumo di mentuccia, su zoccolo di pomodorini ciliegini e basilico fresco.

Secondo piatto: involtino di carne di cavallo con caglio e purè di melanzane, con  bruschetta a corredo.

Tra gli otto vini degustati in abbinamento ai singoli piatti si sono distinti per la loro ”affinità ” con il gusto del caglio il rosato Turcalesu, il rosso liquoroso Anghelu Ruju, il nasco Angialis e, fuori concorso, il carignano prodotto dall’Ente Foreste .

Visto il carattere sperimentale dell’ iniziativa, gli organizzatori hanno concordato con la giuria di non procedere ad una premiazione vera e propria. Unanime è stato invece l’ apprezzamento per l’alta qualità espressa dagli chef partecipanti .

Il ”Concorso gastronomico per la valorizzazione del caglio di capretto di Urzulei , con abbinamento dei vini‘ vedrà il suo esordio ufficiale il prossimo anno nella struttura comunale che si affaccia sulla vallata mozzafiato di Gosollei, a lato della riserva dei cervo sardo e a non molta distanza dalla vite selvatica catalogata come la ”più antica d’Europa ”.

Ogni orchestra che si rispetti – ha commentato Giuseppe Mesinaarriva al concerto dopo una serie di prove. Il saggio gastronomico portato a termine quest’anno ci ha fornito indicazioni preziose per il futuro, grazie alla fantasia e all’impegno profuso da parte di tutti”.
L’appuntamento è per il prossimo anno, ancora sulle note di gusto del caglio di capretto.

Commenti

Commenti

Tags:


About the Author

Avatar



Comments are closed.

Back to Top ↑