Escalaplano

Published on 31 Luglio, 2013 | by Redazione

0

A Escalaplano stasera rivive l’antico rito per scacciare la morte

Un antico rito per scacciare la morte e la fatica. Con le persone travestite da fantasmi che percorrono le strade del centro storico. Sarà riproposto dopo oltre mezzo secolo ad Escalaplano questa sera, ultimo di luglio, in maniera suggestiva grazie alla pro loco di Escalaplano.

Il rito vuole, appunto, che alcune persone con indosso lenzuola bianche girino fra le case recitando un’antica filastrocca (“Cu su fia Janna Morti”) in modo tale da scacciare via la morte e la fatica del lavoro. Un rito propiziatorio di origini contadine per far sì, fra l’altro, che la vendemmia di settembre andasse a buon fine.

Durante la serata saranno allestiti diversi spazi musicali e punti ristoro con i “culurgiones” tipici del paese. In programma anche il primo torneo di “Murra de is piccioccheddu” nella piazza “Campusanti ‘ecciu”: coppe e premi alle prime tre coppie classificate.

Ad organizzare, oltre alla Proloco ed al Comune, anche la cooperativa Serena di Perdasdefogu e l’associazione culturale “Gioventù in movimento”.  La manifestazione del 31 luglio, come ha spiegato il primo cittadino Marco Lampis, “ha lo scopo di difendere e dare valore alla cultura e alle tradizioni di Escalaplano”.

Commenti

Commenti

Tags: ,


About the Author

Redazione



Comments are closed.

Back to Top ↑