Archivio

Published on 30 Giugno, 2013 | by Vanessa Usai

0

Nuova Statale 125, il Sud-Est non è più “Far East”

Qual è il Sarrabese o l’Ogliastrino che non contempla nei propri ricordi, neppure tanto lontani, una drammatica sosta per sfinimento lungo i tortuosi tornanti dell’Orientale Sarda? La Strada Statale 125, più affine al percorso di un Gran Premio di Formula 1 che a una strada di percorrenza per comuni mortali, è stata fino a pochi anni fa l’incubo di lavoratori, studenti e turisti della Sardegna orientale.  Ma oggi la sia pure suggestiva via di collegamento del “Far East” isolano ha lasciato il posto alla più lineare Strada Statale 125 var, che ha accorciato le distanze tra il capoluogo e i territori del Sud-Est, ponendo fine allo storico isolamento del Sarrabus e dell’Ogliastra. Un salto di qualità non solo per gli abitanti, ma anche per l’economia di queste aree geografiche e per la loro vocazione turistica.

L’alternativa all’Orientale Sarda tradizionale è stata progettata con l’intento di sopperire alla tortuosità del tracciato ed evitare l’attraversamento dei centri urbani nel tratto compreso tra Cagliari e Tortolì. I lavori non sono ancora ultimati (restano in fase di progettazione il tratto San Giorgio-Tertenia e il tratto Barisardo-Tortolì), ma l’apertura del tratto dallo svincolo di Capo Boi allo svincolo di Terra Mala, il 20 marzo scorso, ha costituito una vera e propria chiave di volta per i collegamenti del Sud-Est. Da allora non è più necessario utilizzare la tortuosa litoranea Villasimius-Quartu Sant’Elena, con la conseguente eliminazione del collegamento provvisorio attraverso la rotatoria Is Canaleddus con la provinciale 17, che  nel periodo estivo era interessato da un intenso traffico con lunghe code, e con un’ulteriore riduzione dei tempi di percorrenza. Raggiungere le località della costa, dall’aeroporto di Elmas o dal porto di Cagliari, diventa così molto più rapido e scorrevole. In appena un’ora è possibile rilassarsi sulle spiagge di sabbia bianca del Sarrabus, in meno di due ore ci si può immergere nelle acque turchesi dell’Ogliastra.

I paesaggi spettacolari della vecchia 125 non hanno tuttavia perso il loro fascino agli occhi dei più avventurosi: i tornanti a strapiombo dell’ex viaggio-odissea sono oggi particolarmente apprezzati dai motociclisti e dagli irriducibili che non rinunciano a una vista mozzafiato a vantaggio della retta via.

Commenti

Commenti

Tags: , , ,


About the Author

Avatar



Comments are closed.

Back to Top ↑