Escursioni no image

Published on 9 Novembre, 2008 | by Sardegna Vacanza

1

La gola del gorroppu

E’ noto come il Gran Canyon d’Europa, è considerato il più grande di tutto il continente. Si tratta di una gola, le cui pareti superano i 400 mt, provocata in origine da un movimento teutonico. Il lavorio degli agenti atmosferici ha poi creato ciò che noi oggi ancora abbiamo la possibilità di vedere. Anticamente la gola è stata il letto del Rio Flumidettu, che tutt’altro che intenzionato ad abbandonare il proprio percorso originario, s’attiene oggi a scorrere sì, ma sotto il sentiero che i turisti con piccole difficoltà e buona attrezzatura possono ancora oggi attraversare. La presenza del fiume sotterraneo è attestata da spettacolari laghi che qua e là compaiono nel percorso, a sorprendere l’improvvisato esploratore. Cuore del Supramonte, segna il confine naturale fra Urzulei ed Orgosolo. Il percorso di accesso alla gola si snoda in parte attraverso antiche mulattiere, ancora oggi in uso, in parte tramite sentieri interni alla gola, chiusi a destra e a sinistra dalle altissime pareti della stessa gola, tanto alte che in alcuni punti è davvero difficoltoso riuscire a vedere la luce del sole. Percorso assolutamente suggestivo che dà la possibilità al visitatore, munito di efficienti guide, di osservare in quale meravigliosa maniera la natura possa tracciare segni indissolubili sulla roccia sarda.

Diverse le leggende legate alla gola. Si dice che dal punto più profondo, dove le pareti superino i 400 mt, si possa, pure in pieno giorno, vedere le stelle. Altra leggenda è quella che racconta che fra le scoscese pareti cresca il felce maschio, un fiore dalle mirabolanti proprietà. Solo ai più coraggiosi è dato di cogliere il fiore, a notte fonda, in quanto il demonio in tutte le maniere, tenterà d’impedirlo.

Claudia Zedda

 

 

 

 

 

[umap id=”15270″ w=”500px” h=”500px” size=”c” alignment=”center”]

Commenti

Commenti

Tags: , ,


About the Author

Avatar



Comments are closed.

Back to Top ↑